La Clutch, essenzialmente donna

546

Se esistesse una borsa che più di tutte rappresenta il genere femminile, questa sarebbe senza dubbio la clutch: piccola, compatta, elegantissima e da tenere rigorosamente in mano, inizia la sua storia appena duecento anni fa e, tra alti e bassi, oggi non si affronta un evento mondano senza una borsa gioiello. Qual è la storia di questo accessorio? Qual è la maniera giusta di indossarla? Ma soprattutto, è possibile portarla anche fuori dai grandi eventi?

Storia della clutch 

Per assistere alla nascita di questa borsa dobbiamo tornare indietro di circa duecento anni. Siamo tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX in Francia e le donne, avvolte da amplissime vesti, difficilmente si muovono se non sono scortate da un uomo, che sia un familiare o un servitore. I mariti, i padri e i figli maschi sono le persone che devono provvedere al benessere della famiglia e al suo sostentamento economico. La borsa, che all’epoca era l’equivalente del nostro portafoglio, è un accessorio da uomo perché non sta bene che una donna maneggi soldi.

Allora una donna non aveva alcun effetto personale da portare con sé quando usciva di casa? A dirla tutta c’erano degli oggetti che una signora doveva avere sempre a portata di mano: un fazzoletto (utile anche nel caso si volesse tentare un approccio secondo le regole del buoncostume con il sesso opposto); ago e filo; una boccetta di sali (all’epoca le donne indossavano dei corsetti molto rigidi e stretti che causavano spesso svenimenti) e una di profumo. Ovviamente non tenevano tutto in mano, ma riponevano ogni oggetto in speciali sacchetti (normalmente in seta) ricamati e cinti intorno alla vita. Il loro nome era poches, da cui deriverà in seguito il nome delle moderne pochette.

Clutch o pochette?

Un attimo, ma non stavamo parlando delle clutch? Che c’entrano adesso le pochette? Dalle poches di fine Settecento si sono evoluti nel corso dei due secoli seguenti sia le clutch (dall’inglese to clutch, afferrare, tenere in mano) che le pochette. In entrambi i casi stiamo parlando di borse tipicamente eleganti, da indossare in speciali occasioni, e solo di recente le seconde sono state sdoganate, entrando di diritto nella vita quotidiana delle donne.

Tendenzialmente quattro sono le differenze tra le clutch e le pochette:

  • La forma: le prime sono piccole, rigide e tendenzialmente bombate; le seconde sono a forma di rettangoli;
  • Le dimensioni: le clutch sono sempre di piccole dimensioni; le pochette possono essere anche grandi;
  • I materiali: le prime sono sempre impreziosite da tessuti eleganti, ricami, paillettes, pietre e perle; le seconde possono essere anche gioiello, ma si trovano anche modelli più semplici e sportivi;
  • La maniera di indossarle: le clutch si portano solo ed esclusivamente in mano; le pochette possono essere portate anche loro in mano, ma anche al polso o sulla spalla.

La borsa da sera per eccellenza 

Proprio per le sue caratteristiche, la clutch rappresenta l’essenza più pura delle borse da sera femminili. Per ottenere un look eccellente bisogna solo prestare attenzione all’abbinamento con il resto dell’outfit: questo accessorio è già di per sé importante e come tale non ha bisogno di ulteriori accostamenti vistosi, altrimenti rischierebbe di passare in secondo piano o di risultare pacchiana.

Cercate di evitare di indossare una clutch fuori da eventi serali e cerimonie eleganti: sarebbe come pretendere di portare una Ferrari su uno sterrato di campagna. Se odiate le tracolle è preferibile optare per le pochette: la loro forma semplice e lineare, nonché sottile, si presta molto bene ad accompagnare la donna in tutti i suoi spostamenti quotidiani, molto più che l’ingioiellata clutch. 

A proposito, avete dato uno sguardo alla collezione di pochette e clutch presente sul sito www.carpisa.it? Potreste trovare facilmente la hand bag, come direbbero gli inglesi, che farà proprio al caso vostro. Ricordatevi la regola: osate con le pochette anche fuori da eventi mondani o eleganti, rispettate la tradizione con le clutch da cerimonia.