Il Futuro delle Pompe per l’Irrigazione: Energia Solare e Sviluppo Internazionale.

1940

Le pompe centrifughe hanno svolto un ruolo chiave, seppure nell’ombra, per quanto riguarda lo sviluppo dell’industria e, più in generale, della nostra società in quest’ultimo secolo. Il pompaggio e il drenaggio di fluidi è un’attività necessaria in molti settori produttivi, dall’agricoltura fino all’industria, leggera e pesante. Nello sviluppo tecnologico impressionante che abbiamo vissuto recentemente, le pompe centrifughe hanno influito in modo decisivoe non c’è infatti oggi un settore industriale che non ne faccia largo uso. Non finisce qui, però, perché le prospettive future sono decisamente molto interessanti.

H2 Pompe per l’Irrigazione e Sviluppo Internazionale.

Se guardiamo a come si sono evoluti i vari campi di applicazione delle pompe centrifughe sembra quasi che questi siano cresciuti mentre le pompe rimanevano più o meno uguali. D’altronde si tratta sempre di sfruttare le leggi della fisica per pompare fluidi. In realtà, i passi avanti fatti sono stati esponenziali. Oggi infatti abbiamo pompe per l’irrigazione altamente efficienti, facili da trasportare e alimentate in ogni modo anche se, a prima vista, non si notano grossi cambiamenti a livello strutturale. Gli sviluppi futuri ulteriori si preannunciano ancora più clamorosi. Recentemente, infatti, istituzioni governative di primo piano hanno iniziato a muoversi per investimenti in larga scala per sviluppare prototipi in grado di intervenire a livello ambientale in modo profondo. Esemplare è il caso della National Dairy Development Board, agenzia governativa Indiana che si è già resa famosa nel mondo delle pompe centrifughe con l’iniziativa Operation Flood che rese il subcontinente in grado di produrre latte a sufficienza per tutti, un fenomeno oggi noto come white revolution a causa della sua importanza.

H2 Pompe Centrifughe a Energia Solare Autosufficienti.

Oggi la NDDB si è mossa ulteriormente con un nuovo passo avanti decisamente ambizioso: fornire a tutti gli agricoltori del subcontinente pompe per l’irrigazione a energia solare altamente efficienti e che necessitano di poca manutenzione. L’obiettivo è quello di ridisegnare il territorio e massimizzare l’efficienza produttiva dell’India. Basti pensare a come si è evoluta l’agricoltura e l’industria nell’occidente grazie a tecnologie produttive evolute per immaginare l’impatto che questa politica avrà sull’agricoltura Indiana, ancora oggi arretrata e che fatica a sostenere più di un miliardo di individui. Operation Flood fu un successo tale che le Nazioni Unite ne adottarono le procedure per interventi su scala planetaria, soprattutto in Africa nelle regioni a cavallo fra i grandi laghi e il deserto. A discapito dell’immaginario collettivo oggi l’Africa, ancora martoriata da divisioni interne e una distribuzione della ricchezza iniqua, è un granaio formidabile che ha attirato investimenti colossali. Se questo progetto della NDDB dovesse mostrarsi efficace come quelli passati, assisteremo a passi in avanti enormi dovuti a uno strumento tanto importante quanto spesso sottovalutato o ignorato: la pompa centrifuga.