I migliori musei da visitare sull’Isola d’Elba

95

L’Isola d’Elba, la terra in cui il condottiero Napoleone Bonaparte trascorse il proprio esilio, è un vero paradiso terrestre. Un luogo diventato nel tempo una delle mete turistiche preferite, con le alte temperature, da italiani e stranieri. Il motivo è molto semplice: il mare, le meravigliose spiagge e la natura che si presta ad avventurose escursioni (come quelle che si possono fare sul Monte Capanne). A tutti sono note le bellezze paesaggistiche che l’isola nasconde e i panorami mozzafiato che dona a chi la visita. In pochi sanno, però, che l’isola ha alle spalle una storia ultramillenaria e che, quindi, i suoi sette comuni hanno tantissimo da raccontare. L’isola è un concentrato di storia, arte e cultura. Per questo abbiamo deciso di fare un piccolo focus dei musei presenti su questa terra, da non perdere, e offrire qualche suggerimento su come raggiungerla in modo veloce.

Come raggiungere l’Isola d’Elba

Uno dei principali porti italiani da cui partire in traghetto per l’Isola d’Elba è Piombino. I traghetti per l’Elba con partenza da Piombino non impiegano molto tempo e consentono di godere di una vista spettacolare in mare aperto. Come su tutti i traghetti, è possibile caricare un proprio mezzo di spostamento come l’automobile. Suggeriamo a chi ne ha possibilità di portare con sé una vespa; non c’è nulla di più suggestivo che girare tra i piccoli centri dell’isola a bordo di una vespa colorata.

Museo dei Minerali dell’Elba e dell’arte Mineraria

Uno dei musei più identitari dell’isola è sicuramente il Museo dei Minerali dell’Elba e dell’arte Mineraria. Nel museo di Rio Marina è raccolta una storica collezione dei minerali elbani. Questi sono visibili nella sala principale e sono un esempio del ricchissimo patrimonio geo-mineralogico di questo territorio. Ci sono luoghi del museo in cui sono state fedelmente ricreate le miniere dell’epoca, il visitatore può osservare gli strumenti che venivano utilizzati allora, originali. Tra gli spazi ricreati: l’officina del fabbro ferraio, il riparo del minatore e un tratto di galleria a grandezza naturale. Sono presenti anche foto d’epoca e una sala in cui si proiettano video che mostrano l’industria estrattiva in piena attività. Un vero e proprio tuffo nel passato.

Orto dei Semplici a Rio nell’Elba

Se si vuole vivere una giornata presso l’isola d’Elba all’insegna della natura, del benessere e della scoperta non si può non passare qualche piacevole ora presso l’Orto dei Semplici. Si tratta di un museo nato nei primi anni Novanta con l’intenzione di salvaguardare la conoscenza delle piante spontanee dell’intero Arcipelago Toscano e di tutte le antiche tradizioni etnobotaniche ad esse legate. All’interno l’Orto è suddiviso in dieci differenti ambienti: la macchia mediterranea, il pergolato, la flora delle dune marine, le piante sacre delle civiltà antiche, le piante degli antichi giardini elbani, il labirinto, l’anfiteatro, il giardino delle farfalle, il frutteto e il campo grande.

Museo del Mare di Capoliveri

Non poteva mancare sull’Isola d’Elba un museo dedicato al mare e ai suoi tesori, il Museo del Mare di Capoliveri. All’interno imperdibile è la mostra “Il relitto del Polluce – Naufragio a Capoliveri” che mostra al visitatore in un viaggio temporale la vera storia del piroscafo Polluce e del recupero del suo tesoro.