Applicare il fondotinta

154
1819 0 shiseido

I VARI TIPI DI FONDOTINTAApplicare il fondotinta è un’operazione piuttosto semplice se si conoscono le regole di base per farlo e soprattutto se si usa un prodotto di qualità, facendo attenzione alla data di scadenza e al tipo di pelle su cui lo si va ad applicare. In commercio, infatti, vi sono molte tipologie di fondotinta: ognuna di esse è adatta a un particolare tipo di pelle, e anche i metodi di applicazione variano a seconda che si tratti di un fondotinta compatto o di uno in crema. I più diffusi sono senza dubbio i fondotinta liquidi e quelli in crema, particolarmente adatti alle pelli secche o miste poiché si assorbono senza problemi, non seccano l’epidermide e nella maggior parte dei casi contengono una percentuale di crema idratante. Ci sono poi i fondotinta compatti, generalmente i più coprenti, particolarmente indicati per le pelli grassi (sono infatti poco oleosi e a volte tendono a seccare la pelle) e per quelle acneiche, proprio in virtù dell’elevata coprenza. Ci sono poi i fondotinta in polvere, i meno coprenti in assoluto: poiché spesso si tratta di prodotti minerali, quindi altamente naturali, sono consigliati per le pelli problematiche (allergiche oppure intolleranti al make-up) e per le pelli giovani che non hanno bisogno di nascondere grosse imperfezioni. I fondotinta in stick, infine, sia per la confezione che per l’uso sono molto simili ai classici correttori, con la differenza che la formulazione è appunto quella di un fondotinta e come tali vanno utilizzati. Questi ultimi non necessitano di strumenti per l’applicazione in quando vanno applicati direttamente con lo stick e poi sfumati con i polpastrelli. È importante ricordare che, per quanti strumenti diversi si possano utilizzare per l’applicazione del fondotinta, i polpastrelli sono insostituibili poiché per forma e sensibilità sono i più indicati a operare sul nostro viso: per questo motivo terminato di stendere il fondotinta è consigliabile picchiettare l’epidermide con i polpastrelli per far sì che il prodotto aderisca perfettamente; cioè vale soprattutto per le zone “critiche”, quelle dove il fondotinta può screpolarsi o formare antiestetiche pieghette, quindi contorno occhi, contorno labbra e naso.GLI STRUMENTI E LE TECNICHE PER APPLICARE IL FONDOTINTAGli strumenti più utilizzati per applicare il fondotinta sono senza dubbio il pennello (quello per stendere il fondotinta è piuttosto spesso, dalla punta angolata, ma si può anche utilizzare il classico Kabuchi) e le spugnette; nel secondo caso è meglio optare per quelle triangolari in vendita in tutte le profumerie, poiché consentono una maggiore precisione. La scelta dello strumento con cui applicare il fondotinta è certamente soggettiva: tutto dipende dall’abilità della truccatrice e dal metodo che le riesce più facile; tuttavia esistono alcune regole basilari che è bene osservare per evitare risultati antiestetici come il cosiddetto “effetto maschera”. I fondotinta liquidi o in crema vanno stesi con il pennello, prelevando piccole quantità di prodotto da applicare sulle zone centrali del viso: mento, fronte, naso e guance. Partendo dall’interno, il prodotto va poi steso verso l’esterno con il pennello, “tirando” il colore verso le tempie e verso il collo, facendo ben attenzione a sfumare bene il fondotinta così da evitare antiestetici stacchi di colore (che successivamente potrete però andare a correggere con della cipria). Finita l’applicazione del fondotinta, se non siete soddisfatte potete tamponare l’epidermide con una spugnetta umida, rendendo il risultato più naturale. I fondotinta compatti si applicano generalmente con l’apposita spugnetta inumidita: prima iniziare la stesura del prodotto, infatti, la spugnetta va bagnata e poi strizzata bene. È importante prelevare piccole quantità di prodotto per volta e tamponarlo leggermente prima nelle zone centrali del volto, poi verso l’esterno, sfumando bene e facendo attenzione a evitare visibili concentrazioni di colore. Potete ripassare un leggero strato di fondotinta sui punti più critici, su brufoli o macchie cutanee che desiderate coprire.POLVERI E STICKPer applicare il fondotinta in polvere è necessario un pennello Kabuchi o uno da polveri: quello per la cipria, in particolare, si presta bene allo scopo. Se usiamo un fondotinta in polvere è importante che prima dell’applicazione la pelle sia ben idratata: a questo scopo è opportuno stendere un velo di crema idrante sul viso per far sì che il prodotto aderisca meglio e il fondotinta duri di più. Si preleva poco prodotto per volta, “scaricando” l’eccesso per garantire un risultato più naturale e soprattutto uniforme. In questo caso, infatti, bisogna far attenzione proprio agli accumuli di polvere che potrebbero determinare un aspetto della pelle “a macchie”. Il fondotinta il polvere va applicato in tutto e per tutto come una cipria, quindi senza tamponare con la spugnetta e sfumando rigorosamente col pennello. I fondotinta in stick sono quelli ideale per i ritocchi veloci, facili da stendere grazie alla loro pratica confezione. Anche in questo caso si procede dall’interno verso l’esterno, sfumando bene il prodotto vicino alla radice dei capelli e sotto il mento.